IL DISASTRO AEREO DEL 26 GIUGNO 1959 A OLGIATE OLONA

 

Mappa del sito Crediti e contatti

 

Le settanta vite immortali

 

 

Dieci bandiere per settanta vite immortali e
i sedici Paesi del mondo colpiti dalla sciagura

 

Ogni 26 giugno a Olgiate Olona dieci bandiere commemorano la nazionalità delle settanta vite immortali e rappresentano i Paesi del mondo colpiti più o meno direttamente dalla sciagura. Otto bandiere corrispondono a quelle delle otto nazionalità delle vite immortali: Stati uniti d’America (37 passeggeri, considerando la creatura non ancora nata), Italia (16), Francia (7), Regno Unito (4), Cile (3), Germania (1), Israele (1), Egitto (1). Le altre due bandiere - Unione europea e Organizzazione delle Nazioni unite (Onu) - simboleggiano altri otto Paesi colpiti dalla sciagura del 26 giugno 1959 a motivo dei luoghi di nascita di alcune delle settanta vittime: Grecia, Spagna, Romania, Polonia, Russia, Repubblica Ceca (nel 1959 Cecoslovacchia), Algeria, Sudan. Sono, così, sedici i Paesi coinvolti dalla sciagura aerea di Olgiate Olona. Più nel dettaglio, tra le vittime di nazionalità statunitense otto erano nate in Italia, due in Grecia, una in Spagna, una in Cecoslovacchia e una in Russia; tra le vittime di nazionalità francese due erano nate in Algeria, una in Egitto, una in Polonia; una vittima di nazionalità italiana era nata in Egitto; la vittima di nazionalità israeliana era nata in Romania; la vittima di nazionalità egiziana era nata in Sudan.

 

(cliccare sul nome per aprire la scheda dedicata)

 

 

 

membri dell’equipaggio

 

Paul Sidney Grade, 50 anni

statunitense, comandante

Jack Davis, 39 anni

statunitense, membro non in servizio

Frank William Ellis, 29 anni

statunitense, primo ufficiale

Harry Louis Stanton, 43 anni

statunitense, pilota in seconda

John Victor Powell, 39 anni

statunitense, tecnico di volo

Donald Albert Lueke, 41 anni

statunitense, tecnico di volo

Edmond Mouchnino, 38 anni

francese, responsabile di cabina

Marguerite Fay, 27 anni

francese, hostess

Jacqueline Jaussen, 23 anni

francese, hostess

 

 

 

passeggeri britannici

 

George Ellis, 48 anni

Marguerite Cambet Ellis, 51 anni

Percy Charles Nicholls, 44 anni

Albert John Palmer, 42 anni

 

 

 

passeggeri cileni

 

Sonia Labbe Quinteros, 24 anni

Luis Quinteros Jr., 7 anni

Pilar Quinteros, 5 anni

 

 

passeggeri statunitensi

 

Govie Bebee Allbritton, 38 anni

Leonardo Armanetti, 53 anni

Mary Belknap, 10 anni

Augusta Benedetti, 69 anni

Jacob Binder, 57 anni

Anna Maga, 64 anni

William Edwin Buckley, 53 anni

Rizieri Celli, 42 anni

Georgia Chioles, 67 anni

Jesus Juan Rey, 63 anni

Anna Rey, 55 anni

Manuel Rey, 31 anni

Josephine Fuda, 65 anni

Domenick Fuda, 15 anni

Katherine Germo, 71 anni

Mary Germo, 46 anni

Olivia Kammerer, 66 anni

Syd Kaye, 59 anni

Anna Korecky, 69 anni

Lillian Sternes, 48 anni

Frank Charles Sternes, 51 anni

Chester Linsky, 34 anni

Basilio Lombardi, 61 anni

Michael A. Martino, 29 anni

Corinne Martino, 30 anni

Sophie Doumouras, 23 anni

Antonio Salbego, 68 anni

Hugo Sei, 45 anni

George S. Sherman, 43 anni

Mary Thompson, 22 anni

 

 

 

passeggero israeliano

 

Hermann Zwy Carmely, 53 anni

 

 

 

passeggero egiziano

 

Jean Georges Brahamsha, 25 anni

 

 

 

passeggeri francesi

 

Farid Geargeoura, 47 anni

Jacques Rock, 32 anni

Ernest Rotter, 51 anni

Jeann Renée Rousseau, 23 anni

 

 

 

passeggero tedesco

 

Peter Fröhn, 37 anni